You are currently browsing the tag archive for the ‘fatti miei’ tag.

Quando la vecchia si vide allo specchio, per esempio.

Come sono diventata vecchia.” Disse. Ma mentiva.

La vecchia, in quanto vecchia non poteva vedersi vecchia.

Impossibile era, per lei.

Perché teniamo procedure di sicurezza e protezione, sai?

Se il diciottenne si svegliasse di colpo una notte. Si alzasse.

Ed allo specchio si vedesse (per magia) per maledizione

con la faccia con la pelle dei suoi futuri cinquantanni, (morirebbe) vomiterebbe.

Sono io? Stai scherzando?”

Ma invece, ma invece, scivolando secondo dopo secondo, per anni e poi decenni, sempre distratto da altro.

Un giorno, non più diciottenne ello si alzerà.

Andrà allo specchio (nel bagno) e si vedrà trovandosi mica male per quel momento, di colpo, una notte.

Mica male. Eh. Per aver gli anni che ho…” Mica male. Mica male, penserà.

gipi-5-640

Gipi – unastoria

(prendete e leggetene tutti.)

Riprese di un nuovo filmetto italiano nella mia città.

srv2

In un momento di relax, il noto attore protagonista si protegge viene protetto dai raggi del sole. Da una che avrà studiato – anni – qualche stimolantissima scienza/ arte astratta e bellissima, una che oggi “lavora nel cinema” e che di certo ha (ancora) grandi sogni e prospettive davanti.

Non come te, che qualche bivio molto fa per innata codardia e altrui senso del dovere hai imboccato una strada che ti ha resa l’omino di latta del Mago di Oz: arrugginito, immobile e senza più un cuore.

È quindi per invidia – purissima – che parlo.

Eppure, all’ennesimo sorso alla cicuta di rancore e rimpianto, non posso non pensare che in fondo differenza non c’è.

p009

E del quadro, cambia solo la cornice.

 – Lei –

a me piace il porno.
parecchio.
o forse dovrei dire che mi piaceva.
oggi, il porno, non mi piace più.
e non è perchè sono diventato grande.
è cambiato lui.

oggi esistono le categorie, ognuno ha i suoi gusti e non si discute.
come diceva benigni: quando si tratta di godere, va bene tutto…
magre, grasse, giovani, in due, in tre, coi giocattoli, bianche, nere, sposate…
e siamo d’accordo.

ma mai avrei potuto immaginare che la navigazione tra siti porno di un vecchio maiale avrebbe potuto trasformarsi in un’analisi sociologica di respiro, a quanto pare, globale.

la legge dei grandi numeri dice che, se scegli un campione sufficientemente grande di qualunque cosa, per esempio esseri umani, a meno che una categoria non prevalga sulle altre, alla fine avrai più o meno lo stesso numero di individui per ogni caratteristica: biondi, mori, bianchi, neri, grassi, ecc…
se invece una caratteristica è più diffusa delle altre, allora, nel conto finale, troverai un maggior numero di oggetti, in questo caso, individui, con quella caratteristica. Per capirci, ci saranno pochi pigmei e vatussi e molti di altezza media.

Ma torniamo ai nostri pornazzi.

Nessuna meraviglia di trovare ogni tanto i freaks, i coprofagi, i sadomaso estremi, gli amanti della vecchina della lavazza che lo lecca a capitan findus… gusti, dicevamo. va tutto bene.

Solo che quando ti accorgi che l’elemento dominante, quello che ricorre più frequentemente (l’altezza media dell’esempio precedente) è il seguente: teen (a volte barely legal), dotate di piercing e tattoo, che in equilibrio su brutti trampoli con le doppie zeppe, e delle unghiacce fasulle e laccate, vengono brutally f***d contro la loro volontà (si tratta – presumo e spero – di simulazioni ad uso e consumo del pubblico), mi fermo perplesso.

Mi sento antico, morigerato, mi si sgonfia la frenesia, si affloscia il brivido, si rimpicciolisce la libido, reclina mesto il capino il desiderio.
Ma che succede al mondo?
Se è vero che l’offerta si adegua alla richiesta, è questo che piace adesso ai maschietti?
Queste lolite scheletrine addobbate di ferraglia e murales che manco un cantiere di periferia?
E dove sono finite le femmine?

A me piaceva Edwige.

(continua…)

pagine

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 6 follower

bongiornoesseova

svegliatevi dal sonno dormiglioni, ché giunta l'è per voi la gran cuccagna

River

o un blog o questo http://www.youtube.com/watch?v=ReNClSqCq8w

ilmiomanifesto

o un blog o questo http://www.youtube.com/watch?v=ReNClSqCq8w

gagrito

il sonno della ragione genera gattini ciechi.

purtroppo

Quello che leggi qui è tutto autobiografico. Soprattutto le cose inventate.

Lo Sgargabonzi !

È UN MONDO PERFETTO PRIMA DELLA CADUTA

buoni presagi

Dio c'è. Ma ci odia

insanoloco

amarmi m'affatica

Cazzeggio Libero

Un po' cazzeggio e un po' no, dipende dal giorno

Storie di temporanea emigrazione

Con un piede da una sponda e uno dall'altra dell'Atlantico

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: