quelli che “ciao, vado” e dopo 20 minuti sono ancora lì che cincischiano avanti e indietro indecisi sul da farsi o improvvsamente memori di mille urgenti impellenze dell’ultimo minuto di cui – chissà perchè – non si sono ricordati nelle tre ore precedenti.

già siamo obbligati a condividere lo stesso spazio, io, tu, il tuo alito da fumatore di merda, la tua igiene approsimativa, le tue chiacchiare insopportabili, il rumore disgustoso che produci mangiandoti le unghie e quel perenne gorgoglio mucoso da annegato che ti esce dalla gola ogni volta che parli (curati o muori!), adesso che hai deciso di farmi la grazia di sottrarmi la tua presenza, cazzo, fallo!

Annunci